Oggi, mentre cerco di resuscitare un server citrix che ha deciso di suicidarsi affronto a latere un problema diverso: un iMac 24 pollici nuovo di un cliente è posseduto da Windows! Nel tentativo, infatti, di installare windows in una partizione utilizzando la nota funzione di “boot camp” il sistema operativo di mamma Microsoft ha pensato bene di prendere possesso dell’intero hard disk. Il cliente, quindi, non riuscendo a ripristinare Mac OSX ci ha portato la macchina (uno spettacolo di prodotto !!!).

Fatto il boot da dvd (se quando compare la mela all’accensione tenete premuto alt potete scegliere da quale unità far partire la macchina, ma se premete C automaticamente avvierete il sistema dal CD/DVD) apro Utility Disco (presente nel menu utiliy che compare nella toolbar in cima allo schermo) e scopro che il disco ha una sola partizione, di tipo NTFS, non modificabile (Mac OSX legge solo il file system di Windows NT, non può scriverlo …)

Chiamo quindi il supporto. E’ inutile dire che parli con una persona italiana, che tutti sono sempre gentili e competenti e che se non si risolve il problema ti mandano il corriere per sitemare la macchina in un centro assistenza … è inutile perché … per vincere sul supporto Microsoft basta dire una cosa: quello APPLE esiste, gratuito, su hardware e software per 90 giorni (si possono estendere con l’acquisto del c.d. “apple care”), mentre quello Microsoft, di default, semplicemente NON C’E’ !!!

L’operatore dell’assistenza è gentilissimo, ma dopo un po’ di analisi è costretto ad ammettere che con gli strumenti Apple a corredo della macchina una soluzione non esiste. Il computer è quindi “posseduto” da quel demonio di Windows e occorre mandarlo in assistenza …

Ringraziato l’operatore, però … non demordo e …

Ecco la soluzione! Boot dal cd di windows … scelgo di fare una nuova installazione … arrivo alla schermata (blu, altro che sfondo stellato di OSX …) di scelta dell’hard disk di destinazione e … Elimino la partizione esistente! Quindi spengo, riavvio col dvd di Mac, entro nuovamente in utility disco e lì tutto è finalmente attivo, posso nuovamente prendere possesso dell’hard disk.

Che dire … il “puoi contarci” di Direte batte il supporto Apple 1 a zero ;) e il cliente sarà sicuramente felice di riavere il suo “piccolo”.