Come abbiam già scritto DiRete ha scelto di passare a 3 (H3G) con la telefonia mobile. Un po’ per le tariffe (inimitabili), un po’ per la mancanza di limitazioni su tethering ed altre piccole fesserie.

I 5 iPhone 3GS sono arrivati ai primi di agosto e, da allora, è iniziato l’incubo “Number Portability” (ovviamente vogliamo portare i numeri Vodafone in 3). Riassumo le almeno 10 mail ed altrettante telefonate in pochi punti che, però, rendono l’idea di quanto siano potenzialmente fallati i sistemi di gestione dell’operatore:

  • delle 5 SIM una (la mia …) non risulta attiva nei sistemi di 3, impedendo quindi la number portability
  • le 5 SIM sono TUTTE, in realtà, perfettamente funzionanti
  • alle mail di richiesta di assistenza 3 risponde, molto velocemente, sempre con la stessa logica (le risposte sono diverse tra loro, quindi non sembrano automatiche): abbiamo preso in carico la sua richiesta, stiamo verificando, le faremo sapere, ecc ecc ecc …
  • al telefono un operatore mi ha informato che la SIM che nn risulta attiva è marcata, nei loro sistemi, come “on air” (tecnicamente hanno quindi uno stato preciso per definire queste situazioni, segno chiaro ed inequivocabile della presenza di altre situazioni come la nostra)
  • oggi ho scoperto che il seriale della mia SIM, ormai in questo stato “vegetativo” da oltre un mese, corrisponde (sempre secondo i fantastici sistemi di 3) ad un numero di cellulare DIVERSO rispetto a quello reale (che, ripeto, è perfettamente funzionante in entrambe le direzioni !!!)
  • dulcis in fundo una chicca … venerdì è arrivata, con corriere DHL, una SIM nuova … sempre di 3 … ovviamente senza preavviso e senza uno straccio di lettera accompagnatoria che spiegasse le ragioni della consegna. Sia oggi che venerdì gli operatori del call center che ho interpellato mi dicono che … NON SANNO perché ci sia stata mandata questa scheda e … giusto per non farci mancare nulla … il seriale della SIM ricevuta gli risulta … INESISTENTE !!!

Che dire? Mi sembrano evidenti buchi enormi nei sistemi di gestione dell’operatore. Spero (per loro, ma un po’ anche per gli utenti) che i problemi siano limitati ai soli sistemi del callcenter e non a quelli che gestiscono l’infrastruttura di rete. In ogni caso direi che c’è di che riflettere …

:(

p.s.: faccio il trackback ad un post di Stefano Quintarelli perché proprio oggi parla di una decisione del consiglio di stato che limita a 3 giorni il tempo necessario per la Number Portability!