Ieri sono stato ad un evento Citrix organizzato da Ready Informatica su XenServer 5.0 e sulla nuova strategia di Citrix per la virtualizzazione (e per la concorrenza a VMWare).

Di fatto Citrix oggi regala quello che con VMware costa diverse migliaia di euro.

Tempo fa ho parlato di VMware e quindi ero curioso di capire se oggi ha senso scegliere VMware o Citrix.

Provo a riassumere le cose salienti:

  • XenServer è l’hypervisor commerciale i Citrix basato sulla versione open source Xen. E’ quindi più stabile di Xen ma con meno funzioni evolute
  • XenServer funziona solo con processori x86 a 64 bit (mentre Xen va anche su processori a 32 bit) e per Windows servono processori Intel VT o AMD-V.
  • XenServer è più performante dell’analogo di VMware (questo a detta non dei relatori ma di colleghi del pubblico che partecipavano all’incontro). Il carico che “ruba” al processore è del 2-6 % per macchine virtuali Windows e molto meno per macchine Linux.
  • La configurazione delle macchine virtuali non è “salvata” nella console come in VMware quindi se si perde la macchina con la console non succede nulla.
  • La soluzione Citrix nel complesso è meno matura e manca di alcune funzionalità avanzate che invece VMware offre già da tempo. Ad esempio: il Phisical to Virtual di Citrix lascia ancora a desiderare ed il carico di lavoro non viene ancora spostato in automatico come in VMware (DRS)
  • Per contro Citrix permette di gestire meglio l’alta affidabilità integrando software di terze parti (Marathon)
  • XenServer è più indicato se poi si vuole usare Citrix (ovvero se si vuole usare quello che una volta si chiamava Access Essential o Presentation Server e che ora si chiama XenApp… ma è molto più complesso di così… :|)
  • XenServer è del tutto interscambiabile con Hyper-V di Microsoft (che di fatto è stato sviluppato da Citrix, non da Microsoft). Cambiando l’hypervisor, quindi, la macchina virtuale sopra non si arrabbia

Ora aspettiamo la contromossa di VMware…

Oppure leggiamo un articolo in inglese sulla comparazione tra i vari contendenti.